manager e collaboratori

MANAGER E COLLABORATORI: COME COSTRUIRE UNA RELAZIONE POSITIVA

Quali sono gli atteggiamenti da tenere e evitare per gestire al meglio il rapporto tra manager e collaboratori?
Come guadagnarsi la fiducia dei propri dipendenti?

Il rapporto tra manager e collaboratori, come qualunque altra relazione, necessita di un elemento fondamentale: la fiducia.

Per gestire al meglio il proprio team, infatti, un manager deve essere sicuro non solo che la sua autorità sia riconosciuta, ma anche che i suoi sottoposti si fidino di lui, delle sue capacità, delle decisioni che ha preso e delle direttive che dà loro.

Qualche consiglio per instaurare un rapporto positivo e produttivo col proprio team, guadagnandosi la sua fiducia.

 

#1 Mantenere la parola data

Se fate una promessa e vi prendete un impegno, manteneteli. Qualora non possiate farlo per motivi non dipendenti da voi, per quanto possibile date una spiegazione chiara ed esauriente a riguardo: è una questione di correttezza e trasparenza.
Un manager che cambia le proprie decisioni senza che si capisca il perché può essere percepito come inaffidabile.

 

#2 L’importanza della discrezione

Può accadere che una vostra risorsa vi metta al corrente di difficoltà lavorative o fatti personali che impattano sulla sua attività. Parlandovi, la persona ha riposto fiducia nella vostra discrezione, perciò quel che vi viene confidato non deve essere divulgato.

 

#3 Ammettere i propri errori

Può succedere a tutti di sbagliare, in questo caso ammettetelo: il vostro team avrà di voi la percezione di una persona che si assume le proprie responsabilità fino in fondo, anche in caso di errori, senza negarlo o peggio scaricarle la colpa su altri.

manager e collaboratori

 

#4 Valorizzare le proprie risorse

Promuovere le proposte del vostro team, se valide e produttive, è importante quanto, in caso di successo, riconoscere i meriti a chi ha avuto l’idea vincente: è un riconoscimento e una valorizzazione della persona, del suo lavoro e rende più affiatato il rapporto tra manager e collaboratori.
Evitate assolutamente di “impossessarvi” dei suggerimenti ricevuti come se fossero farina del vostro sacco: i vostri collaboratori si sentirebbero sminuiti e “derubati”.

 

#5 Coinvolgere e condividere informazioni

Un buon manager, se vuole avere una buona squadra, deve costruirla in prima persona: coinvolgendo, creando coesione e, soprattutto, condividendo informazioni, programmi e obiettivi: questo permetterà ai collaboratori di lavorare meglio, avendo chiari strumenti e strategie.
Mancanza di chiarezza, pianificazione e attenzione, al contrario, indurrà i collaboratori a concludere di avere un responsabile disorganizzato, poco interessato all’attività del gruppo e al lavoro, se non addirittura assente.

 

#6 Essere diretti e schietti

Qualunque comunicazione deve essere passata in modo schietto e diretto, con estrema chiarezza, anche se si tratta di una critica.
I collaboratori sapranno in questo modo di avere un responsabile che dice sempre ciò che pensa e dal quale non potranno mai aspettarsi brutte sorprese quando invece, apparentemente, tutto sembrava andare bene.

 

Avete perso il nostro articolo su come gestire le amicizie sul posto di lavoro? Leggetelo qui!

92

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *