L’INDUSTRIA 4.0 CAMBIERÁ IL MODO IN CUI LAVORIAMO

La digitalizzazione rivoluzionerà, come già si è verificato nella storia dell’industria, i sistemi di lavorazioni. Al dipendente non resterà che adattarsi.

 

La trasformazione digitale, che sta rivoluzionando piccole e grandi imprese, viene definita dagli esperti come la quarta rivoluzione industriale.
Quest’ultima potrebbe generare numerose preoccupazioni sulla perdita di occupazione, ma ciò che sarebbe da considerare sono le nuove chance che stanno nascendo.
L’Industria 4.0 apporterà difatti tecniche e sistemi di produzione innovativi che, di conseguenza, richiederanno nuove competenze e nuove figure professionali.
La caratteristica che aiuta meglio a definire l’Industria 4.0 è “digitalizzazione”.

Il passaggio dai processi analogici a quelli digitali ha come diretta conseguenza una razionalizzazione dei costi di produzione, l’ottimizzazione delle prestazioni di macchine e lavoratori ed un utilizzo sempre più mirato di energia.
Ma oltre a questo il fattore umano sarà comunque ancora determinante per le aziende.
Difatti i robot, così come altri oggetti intelligenti, renderanno i processi più efficienti e rapidi ma non sostituiranno il dipendente che, comunque, non potrà scomparire. A lui spetterà il compito di controllare e gestire le macchine.
Quindi, come è successo in passato, oggi è necessario che l’uomo si qualifichi nuovamente secondo i nuovi sistemi di lavorazione.
Cambieranno le competenze.

 

INDUSTRIA 4.0

 

Oltre a questo sono diversi gli strumenti tecnologici che stanno cambiando i sistemi di produzione.
Dopo i robot, che grazie all’intelligenza artificiale e al machine learning sono in grado di prendere delle decisioni anche autonomamente, gli impianti passeranno a tecniche di archiviazioni digitali come il cloud computing.
Un altro ruolo importante sarà giocato dagli oggetti sempre connessi dell’Internet of Things, che connetteranno ogni angolo della struttura, permettendo all’azienda di raccogliere molti dati.
La realtà virtuale e la realtà aumentata saranno altre due tecnologie che potranno essere utilizzate in molti settori, come ad esempio nella manutenzione e nella sicurezza.
Sopporteranno soprattutto i dipendenti in fase di produzione e non solo, apporteranno migliorie anche all’esperienza del consumatore finale.

Ecco quindi alcune modifiche che la trasformazione digitale apporterà alla forza lavoro ed altrettanti motivi per cui questa non potrà essere arrestata e finirà per rivoluzionare, ancora una volta, il modo in cui lavoriamo.

Il cambiamento che si sta realizzando quindi non è solo nel modo di produrre, ma nella mentalità e solo le aziende che avranno il coraggio di cambiare sapranno restare su un mercato, completamente nuovo.

 

168

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *